Ricordi nepalesi

Nel febbraio del 1996 quattro soci del Canoa Club Trento volarono fino in Nepal per discendere alcuni fiumi Himalayani. Erano Emilio Oss Papot, Maurizio Nardon, Corrado Rizzi e Andrea Dal Prà. Con il supporto di una piccola agenzia Nepalese e spostandosi con i mezzi pubblici locali in tre settimane furono discesi il Tamur, il Kali Gandaki, il Marsyandi, il Karnali, il Bhote Kosi. 

I fiumi nepalesi sono bellissimi, adatti a discese anche di più giorni, con il supporto di un piccolo raft al seguito o in autonomia. Il popolo nepalese è fantastico, accogliente e gentile. 

Il viaggio è stato molto interessante, sia per la parte canoistica che per la parte culturale. Vi è stata anche una giusta dose di avventura. I fiumi non hanno deluso, sono bellissimi e impegnativi senza essere estremi. 

Un ricordo meraviglioso. Il Nepal è uno dei luoghi più belli che un canoista può immaginare.

Andrea Dal Prà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.